Home » Ambiti » Pastorale Diocesana 

Apostolato del mare   versione testuale


La Conferenza Episcopale, durante l’ultimo Consiglio Permanente ha segnato storicamente la presenza dell’Apostolato del Mare riconoscendolo Opera della Chiesa Universale e creando un ufficio apposito all’interno della Segreteria Generale della stessa CEI.

Un dono che promana dal Motu Proprio “Stella Maris” di Giovanni Paolo II del 1997 in cui, al Titolo IV cita testualmente che: In ciascuna Conferenza Episcopale con territorio marittimo ci deve essere un vescovo promotore con il compito di favorire l'Opera dell'Apostolato del MareIl vescovo promotore sceglierà un Sacerdote adatto e lo presenterà alla Conferenza Episcopale, la quale, con suo decreto emesso per iscritto, lo nominerà per un determinato periodo di tempo direttore nazionale dell'Opera dell'Apostolato del Mare.

Proprio nell’ultimo Convegno dell’Apostolato del Mare Italiano si era trattato del tema: “Il Motu Proprio Stella Maris: la Chiesa, l’impegno sociale e l’accoglienza della gente di mare” e nel documento finale si sottolineava: “il ruolo fondamentale che il Motu Proprio riveste per l’attività dei volontari della Stella Maris che, con le visite a bordo e l’accoglienza a terra nei centri portano ai marittimi la Chiesa che li accompagna come il Cristo accompagna i suoi discepoli.

L’ordinamento di questa missione verso i marittimiè tuttora validissimo e in grado, per la sua originalità e flessibilità di azione, di governare l’attività della rete diocesana e nazionale … come segno di una Chiesa davvero Universale che per questa attenzione pastorale ha scelto la figura giuridica dell’Opera per l’Apostolato del Mare … mantenendo una struttura internazionalmente riferita al Pontificio Consiglio per i Migranti e gli Itineranti che ne ha la “alta direzione” nel rispetto dell’autonomia ogni Conferenza Episcopale.”

L’Apostolato del Mare, in Italia, avrà finalmente anche un Vescovo Promotore che, sempre secondo le linee del documento pontificio viene nominato “preferibilmente fra i vescovi della diocesi aventi porto di mare”. Si tratta di Mons. Francesco Alfano nominato appena 20 giorni fa arcivescovo di Sorrento-Castellammare di Stabia. Sarà un importante punto di riferimento per la Chiesa italiana ma particolarmente per il nuovo Direttore Nazionale.

Si, il nuovo ufficio porta anche la novità di un nuovo Direttore che succede a don Giacomo Martino dopo i suoi 10 anni di servizio alla gente di mare. Si tratta di don Natale Ioculano, sacerdote calabrese, che da anni ha voluto e realizzato, con tenacità la Stella Maris di Gioia Tauro.

Il nuovo ufficio è visibile on line: http://www.chiesacattolica.it/apostolatomare/siti_di_uffici_e_servizi/ufficio_nazionale_per_l_apostolato_del_mare/00029825_Ufficio_Nazionale_per_l_apostolato_del_mare.html